Home page Catasto Nazionale Rifiuti - ISPRA


» IN PRIMO PIANO
Monitoraggio dei costi sostenuti dai comuni per la gestione dei rifiuti urbani e assimilati Il Centro Nazionale dei rifiuti e dell'economia circolare di ISPRA effettua annualmente il monitoraggio dei costi sostenuti dai comuni per la gestione dei rifiuti urbani e assimilati. Tali dati sono pubblicati nel Rapporto annuale sui Rifiuti Urbani.
Al fine di acquisire le informazioni necessarie è stato predisposto un apposito questionario, rivolto esclusivamente ai soggetti istituzionali
Vai alla pagina del questionario
Serie storica dei dati sui costi di gestione dei servizi di igiene urbana La serie storica dei dati, con dettaglio comunale, è ora disponibile a partire dal 2011. Tutti i dati possono essere scaricati in formato .csv.
Gli indicatori analizzati sono:
    » costi annui pro capite e per chilogrammo di rifiuto relativi alla gestione dei rifiuti urbani differenziati;
    » costi annui pro capite e per chilogrammo di rifiuto relativi alla gestione dei rifiuti urbani indifferenziati;
    » costi annui pro capite e per chilogrammo di rifiuto relativi alla gestione totale dei rifiuti urbani.
Vai alla sezione sui costi di gestione

» ULTIMI DATI
Andamento della percentuale nazionale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani, anni 2013-2017

Vai ai dati di produzione e raccolta differenziata


Andamento della produzione nazionale dei rifiuti urbani, anni 2013-2017

Vai ai dati di produzione e raccolta differenziata


Gestione dei rifiuti urbani, anno 2017

Vai ai dati di gestione dei rifiuti urbani


Numero di impianti di gestione dei rifiuti urbani, anno 2017

Vai ai dati di gestione dei rifiuti urbani


Andamento dei costi medi pro capite, anni 2013-2017

Vai ai dati dei costi di gestione dei servizi di igiene urbana


Andamento dei costi medi per chilogrammo di rifiuto, anni 2013-2017

Vai ai dati dei costi di gestione dei servizi di igiene urbana


Vai alla pagina iniziale delle banche dati sui Rifiuti Urbani

» INFORMAZIONI SULLE BANCHE DATI
Banche dati sui Rifiuti Urbani e sui Rifiuti Speciali
Banche dati
Le banche dati sui rifiuti urbani e speciali raccolgono ed organizzano i dati acquisiti ed elaborati dalla sezione nazionale del Catasto Rifiuti con il contributo delle sezioni regionali e provinciali e, in generale, di tutti i soggetti pubblici detentori dell'informazione, nonché attraverso l'elaborazione del Modello Unico di Dichiarazione ambientale (MUD). I dati, pubblicati con cadenza annuale ai sensi dell'articolo 189, comma 6 del d.lgs. n. 152/2006, sono liberamente consultabili e scaricabili.

» Le banche dati sui rifiuti urbani Banche dati contengono le informazioni sulla produzione e raccolta differenziata Banche dati (sino al dettaglio comunale), sui costi di gestione dei servizi di igiene urbana Banche dati (sino al dettaglio comunale) e sugli impianti di gestione Banche dati (dettaglio per singolo impianto).

» Le banche dati sui rifiuti speciali Banche dati contengono le informazioni sulla produzione e gestione con dettaglio regionale.
  • Periodo di riferimento dei dati sulla produzione e raccolta differenziata dei rifiuti urbani: dati fino al dettaglio comunale: 2010-2017; dati fino al dettaglio provinciale: 2001-2017. Ultimo aggiornamento: 25 marzo 2019

  • Periodo di riferimento dei dati sulla gestione dei rifiuti urbani: 2015-2017. Ultimo aggiornamento: dicembre 2018

  • Periodo di riferimento dei dati sui costi di gestione dei rifiuti urbani: 2011-2017. Ultimo aggiornamento: 29 marzo 2019

  • Periodo di riferimento dei dati sulla produzione dei rifiuti speciali: 2014-2016. Ultimo aggiornamento: giugno 2018

  • Periodo di riferimento dei dati sulla gestione dei rifiuti speciali: 2014-2016. Ultimo aggiornamento: giugno 2018
Vai alle banche dati sui Rifiuti Urbani

Vai alle banche dati sui Rifiuti Speciali


Elenco Nazionale Autorizzazioni e Comunicazioni L'Elenco Nazionale delle Autorizzazioni si compone di due tipologie di banche dati che sono rispettivamente alimentate attraverso:
  • l'inserimento effettuato, ai sensi degli artt. 208, 209, 211, 213 e 214 del d.lgs. n. 152/2006, dalle amministrazioni territoriali competenti al rilascio delle autorizzazioni ordinarie ed in procedura semplificata. La banca dati può essere consultata accedendo alla pagina Elenco nazionale (da amministrazioni) Banche dati;
  • l'estrazione delle informazioni contenute nel modello unico di dichiarazione ambientale prevsito dal DPCM 28 dicembre 2017, valido a partire dalle dichiarazioni riferite al 2018. Tale modello prevede una specifica scheda "Autorizzazioni" che deve essere compilata da tutti i soggetti in possesso di autorizzazione, anche in procedura semplificata, allo svolgimento di attività di recupero o smaltimento rifiuti. La banca dati può essere consultata accedendo alla pagina Elenco nazionale (da MUD) Banche dati.

Le informazioni contenute nelle banche dati sulle autorizzazioni sono pubblicate così come ottenute dalle varie fonti senza alcuna attività di elaborazione e bonifica da parte di ISPRA.
Per le autorizzazioni di fonte MUD:
  • I dati più aggiornati disponibili sono desunti dalle dichiarazioni MUD presentate nel 2018 e relative al 2017. Ultimo aggiornamento delle banche dati: gennaio 2019.
Vai alle bance dati dell'Elenco Nazionale delle Autorizzazioni


» ALTRE INFORMAZIONI
Ultime pubblicazioni in materia di contabilità dei rifiuti
XX edizione del Rapporto Rifiuti Urbani
Rapporto Rifiuti Urbani 2018
Contenuti del Rapporto:
  • contesto europeo,
  • produzione e raccolta differenziata dei rifiuti urbani,
  • gestione dei rifiuti urbani,
  • imballaggi e rifiuti di imballaggio,
  • monitoraggio, analisi e valutazioni economiche del sistema tariffario,
  • valutazione dei costi di gestione dei servizi di igiene urbana,
  • pianificazione territoriale,
  • appendice con i dati regionali di dettaglio sulla produzione e gestione dei rifiuti urbani.
Vai al Rapporto

XVII edizione del Rapporto Rifiuti Speciali
Rapporto Rifiuti Speciali 2018
Contenuti del Rapporto:
  • produzione dei rifiuti speciali,
  • gestione dei rifiuti speciali,
  • produzione e gestione dei rifiuti speciali secondo la codifica del regolamento (ce) n. 2150/2002 relativo alle statistiche sui rifiuti,
  • monitoraggio di specifici flussi di rifiuti,
  • appendice 1 - contesto europeo,
  • appendice 2 - dettaglio, per macroarea geografica e per regione, dei dati di produzione dei rifiuti speciali, anno 2016,
  • appendice 3 - quadro regionale, produzione e gestione, dei rifiuti speciali, anno 2016,
  • appendice 4 - quadro regionale dello smaltimento in discarica dei rifiuti speciali, anno 2016.
Vai al Rapporto

Informazioni sulle funzionalità di consultazione delle banche dati
Download dei dati
Info Download
Tutte le tabelle contenenti i dati sulla produzione e gestione dei rifiuti urbani e speciali possono essere esportate in formato csv. In ciascuna pagina è infatti presente uno specifico bottone finalizzato all'esportazione della/e tabelle presenti nella medesima pagina.
Per quanto riguarda i dati comunali sulla produzione e raccolta differenziata e sui costi di gestione dei servizi di igiene urbana sono inoltre presenti, nelle relative sezioni, specifiche pagine che consentono il download (in formato odg nel caso della produzione e raccolta e csv nel caso dei costi) delle tabelle annuali relative a tutte le municipalità.
Anche le informazioni dell'Elenco Nazianale delle Autorizzazioni desunte dal Modello Unico di Dichiarazione ambientale possono essere esportate in formato csv.
Per accedere alla pagina di download del set completo dei dati annuali comunali: Rifiuti urbani » Produzione e raccolta RU » Download

COS'È IL CATASTO DEI RIFIUTI
Il Catasto dei rifiuti è stato istituito dall'articolo 3 del decreto legge 9 settembre 1988, n. 397, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 novembre 1988, n. 475. L'articolazione e le funzioni del Catasto sono individuate dall'articolo 189 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152.
Il Catasto è organizzato in una Sezione nazionale, presso l'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA), e in Sezioni regionali o delle Province autonome di Trento e di Bolzano, presso le Agenzie regionali e delle Province autonome per la protezione dell'ambiente.
L'Ispra ha organizzato la Sezione Nazionale per via informatica, attraverso la costituzione del Catasto telematico, che intende fornire un quadro conoscitivo completo, costantemente aggiornato e facilmente accessibile in materia di rifiuti.



Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'Informativa sulla privacy
Cliccando su 'Ok' acconsenti all'uso dei cookie.

Privacy

Area riservata

Accessi al sito